Non è la prima volta che si sente parlare di poliamore, questo genere di unioni è frequente ma, per la prima volta, a Medellin (la seconda città più grande in Colombia, dopo Bogotà) è stato legalizzato, riconosciuto attraverso il matrimonio di tre uomini: Manuel Bermudez (50 anni, giornalista e docente alla Facoltà di Comunicazione dell’Università di Antioquia), Victor Hugo Prada (22 anni, attore) e Alejandro Rodriguez (36 anni, personal trainer). Un matrimonio ufficiale, celebrato il 3 giugno.

I tre uomini sono stati guidati e supportati dall’avvocato German Rincon Perfetti dell’associazione Lgbt, definito dai giornali locali un vero paladino delle libertà.

 

Poliamore: un’unione che non viola alcuna legge

Il documento firmato dai tre uomini davanti ad un notaio di Medellin ha una tipologia a sé: viene chiamato trieja in spagnolo tradotto in famiglia poliamorosa.

I tre mariti lo hanno dichiarato forte e chiaro: “Desideriamo concordare un regime patrimoniale sulla base di una relazione a tre, confermando che le persone possono stare insieme a prescindere dal loro colore, status, sesso, razza, credo religioso, appartenenza etnica”.

Così dicendo non hanno dichiarato nulla di strano o irregolare: tutto questo non è affatto vietato né dal diritto internazionale né dalla legge colombiana.

 

La storia d’amore di Alejandro, Manuel e Alex

Il colpo di fulmine tra Alejandro (allora studente 18enne all’Istituto tecnologico) e Manuel è scoppiato nel 1999: si sono uniti nel primo matrimonio gay reso pubblico nel loro Paese nel 2000.

Ricordiamo che il matrimonio gay in Columbia è diventato legale dallo scorso anno.

Dopo 4 anni, Alejandro si innamora di Alex e lo confessa senza remore al marito Manuel: decidono di far sfumare la relazione ma succede un imprevisto, anche Manuel perde la testa per Alex e viceversa. Cosa fare?

Decidono per il ‘tre cuori  un capanna’ e vanno a vivere insieme. Si definiscono tre coppie nelle tre possibili combinazioni: Alejandro/Alex, Manuel/Alex, Alejandro/Manuel.

Nel 2012, i tre uomini incontrano Victor e si innamorano anche di lui.

Il poliamore da tre passa a quattro ma Alex Esnéider Zabala, nel 2015, muore per un tumore allo stomaco e nel 2017, Manuel, Alejandro e Victor decidono di sposarsi formando una famiglia poliamorosa.

Nella loro unione non esiste predominio dell’uno e sottomissione dell’altro, doveri e diritti sono uguali per tutti e tre.

Poliamore a tre e dibattito politico

In Colombia le coppie gay possono adottare minori che non siano figli biologici di uno dei due partner.

Cosa cambia ora che è stato riconosciuto il matrimonio poliamoroso?

Il notaio davanti al quale i tre uomini hanno firmato il documento di matrimonio spiega che tale unione rappresenta “una dichiarazione di intenti delle parti”.

In sostanza, non è un vero e proprio matrimonio ma un ‘patto a tre’ che rappresenta una piccola rivoluzione per le associazioni Lgbt e consente di riconoscere altre forme di famiglie.

Angela Hernandez, deputata che difende i diritti della famiglia tradizionale non la pensa allo stesso modo ed apre il dibattito politico definendo questa cerimonia una “spiacevole decadenza morale” attraverso cui le istituzioni familiari ricevono vere e proprie “sentenze di morte”.

Articolo precedenteAmore e messaggistica istantanea: le frasi da non scrivere a lui
Articolo successivoDandolo di Dagospia contro il tronista Claudio Sona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.