Piero Armenti: biografia e fidanzata de “Il mio viaggio a New York”

Piero Armenti è uno dei personaggi più influenti degli ultimi anni.

Creatore del blog “Il mio viaggio a New York”, egli è l’unico tour operator italiano attivo nella Grande Mela.

E oggi, in tanti seguono la sua quotidianità, anche attraverso i suoi canali social attivi. Ma cosa lo avrebbe esattamente portato al successo? Scopriamone di più!

Piero Armenti biografia

Piero Armenti ha 42 anni.

E’ nato nel 1979 ed è un imprenditore, scrittore ed un urban explorer a New York.

Vanity Fair lo descrive come: “uno che a furia di camminare, girare e conoscere sa tutto, anche cose che non sempre si vedono”.

La sua è una carriera ricca di esperienze. In primis, nel mondo del giornalismo (Piero è infatti un giornalista professionista), scrivendo per varie testate importanti a livello internazionale.

Tutto comincia dal Venezuela. Qui Armenti ci vive per cinque anni, precisamente a Caracas. Era molto affascinato da questo mondo folklorico, che lo ha portato anche alla scoperta dell’America Latina. Ma non molto dopo, decide di tornare in Italia (a Napoli), con l’obiettivo di conseguire un dottorato, presso l’Università Orientale.

Il suo trasferimento a New York avviene nel 2011. Non appena ha messo piede in questa magnifica città, Piero se ne è innamorato (e come dargli torto). Ciò che gli circondava gli è sembrato fantastico e in parte surreale, poiché distante anni luce da ciò che siamo abituati a vedere normalmente.

Così, ha pensato di raccontare la sua vita quotidiana nella Grande Mela. E lo ha fatto attraverso una serie di interviste per giornali, riscontrando numerosi feedback positivi.

C’è da dire però, che ha dovuto inizialmente fronteggiare alcune difficoltà, come ad esempio un concorso che serviva per poter ottenere la licenza turistica locale. Ma con grandi sacrifici e duro studio, è riuscito a raggiungere il traguardo tanto ambito.

Piero Armenti il mio viaggio a new york

Una volta ottenuta la licenza, Piero ha deciso di fondare il suo tour operator.

Come denominazione ha scelto “Il mio viaggio a New York”.

A distanza di dieci anni, Armenti si considera uno dei pochissimi italiani ad avercela fatta. Infatti, oggi è l’agenzia numero 1 italiana con sede a New York, precisamente a Times Square. Qui si offrono una serie di informazioni, esperienze e attività da poter svolgere nella “città che non dorme mai”, come direbbe Frank Sinatra.

Grazie al suo operato, la gente può visitare questa grande metropoli senza dover perdere del tempo inutilmente e con grande comodità. Ecco alcune sue parole in merito, riportate dal sito ufficiale de Il mio viaggio a New York:

“Noi offriamo tour, attività ed esperienze uniche nella Grande Mela per far conoscere la vera anima di questa metropoli. Abbiamo ideato il tour delle terrazze panoramiche, il tour delle discoteche, il tour del Bronx, Queens e Brooklyn, etc. Tutti sono pensati per far risparmiare tempo, denaro e, in più, per avere la comodità di una guida in italiano.

Piero Armenti guadagno

A questo punto sorge spontanea una domanda: quanto guadagna Piero Armenti?

Ovviamente, fornire una risposta ben precisa a riguardo non è semplice.

Il motivo risiede nel fatto che bisognerebbe contare anche tutte le sue collaborazioni. A tal proposito, afferma:

“Vengo intervistato settimanalmente da giornali, radio, magazine italiani per raccontare le ultime tendenze di New York. Mi troverete citato sul Corriere della Sera, su Vanity Fair e su centinaia di blog e siti importanti”. (Fonte: Il mio viaggio a NY).

Di conseguenza, il suo fatturato è abbastanza variabile.

Piero Armenti libro

A rendere indefiniti gli incassi di Piero Armenti, ci sono anche i suoi libri.

Lo scorso anno, ha pubblicato il suo primo romanzo per Mondadori, che si intitola Una notte ho sognato New York. In questo libro, egli racconta la storia di un giovane che parte da un piccolo paese del Mezzogiorno d’Italia verso la Grande Mela, con l’obiettivo di inseguire tutti i suoi sogni.

A pochi giorni dal lancio, è stato subito un successone. In molti lo hanno acquistato e diverse sono le recensioni positive a riguardo, che potete trovare ad esempio su Amazon o altri siti adibiti alla vendita. Per quanto riguarda gli store fisici invece, è disponibile in tutte le librerie.

Nel 2019 invece, Piero ha pubblicato una guida personale sulla città, con l’omonimo titolo. Qui egli presenta tutti i posti più strani e poco noti. E’ una specie di diario, che ha lo scopo di rendere noti gli angoli più segreti e nascosti di questa metropoli. Pensate che per diverso tempo, è comparsa al primo posto su Amazon, nella sezione guide turistiche.

Sempre nello stesso anno, Armenti ha persino creato una serie audio, sempre intitolata “Il mio viaggio a New York”. Si tratta di una vera e propria registrazione avvenuta tra le strade della metropoli. Egli la presenta così:

“L’ho registrata per le strade newyorkesi. Perciò sentirete i rumori della città, quei suoni che la rendono unica al mondo e viaggerete con l’immaginazione. Un racconto rivolto a chi non è mai stato a New York ma sogna di andarci e a chi c’è stato ma sogna di viverci”. (Fonte: Il mio viaggio a NY). Quest’ultima, la potrete acquistare su iTunes o in streaming su Audible.

Piero Armenti fidanzata

Ma cosa si sa invece della vita privata di Piero Armenti?

Proprio in questi giorni, si sta parlando ovunque della sua nuova fidanzata.

Di chi si tratta? Il suo nome è Martina Maceratesi. La 27 enne, di Recanati, sembrerebbe aver rapito il cuore dello scrittore ed imprenditore. E lo dimostrano alcuni scatti che li ritraggono insieme e super innamorati, pubblicati sui profili social.

La differenza di età tra i due è notevole e non mancano di certo le critiche a riguardo. Tuttavia (e per fortuna), la maggior parte dei suoi followers sembrerebbe approvare la sua anima gemella, definendola una ragazza acqua e sapone ma soprattutto intelligente.

Infatti, in base a quanto riportato da vari magazine, la ragazza di Piero Armenti è laureata in economia e business (presso l’università delle Marche) e ha lavorato per vari brandi prestigiosi di moda, come ad esempio Gucci e Valentino.

Articolo precedenteClaudio Locatelli: biografia del giornalista combattente
Articolo successivoEnrico Ruggeri, “A Lourdes ho visto una cosa speciale”. Ecco di cosa si tratta:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.