Foto di: tgcom24

In Umbria si sta parlando moltissimo della notizia che vede come protagonista Don Riccardo Ceccobelli.

Egli ha deciso di lasciare il sacerdozio per amore. La donna in questione si chiama Laura e per lei ha scelto di abbandonare la tonaca. Si tratta di una storia che divide il web in due parti: chi pensa che abbia fatto bene a seguire il cuore e chi lo reputa un vero e proprio sacrilegio nei confronti della religione.

Ma a spiegare le dinamiche dell’accaduto ci ha pensato il parroco stesso, in un’intervista riportata da Il Corriere, dove racconta di non essere mai uscito con Laura con un secondo fine. E’ nato tutto a distanza di tempo.

Don Riccardo Ceccobelli: “Per me è un segno di Dio”

Nel corso dell’intervista il parroco di Massa Martana ha spiegato che stava per recarsi in chiesa per svolgere la sua ultima messa (celebrata appunto da lui).

E mentre si recava con una certa fretta, ha visto un carretto che portava un albero d’ulivo ed improvvisamente gli è venuta in mente una storia che ha imparato da piccolo a catechismo. A tal proposito, ha detto:

“La pianta che viene spostata, un giorno fruttificherà altrove. Ecco, io adesso mi sento come quella pianta d’ulivo”.

Insomma, per il sacerdote (ormai ex) tutta questa storia risulta essere come un segno di Dio. Ma cosa ne pensano i suoi amici? In merito a ciò, ha spiegato che alcune sue conoscenze hanno immediatamente pensato che stesse facendo una pazzia.

Allo stesso tempo però, egli spiega che doveva necessariamente fare questo passo. E non si sente affatto pentito: tra l’altro aggiunge che pur avendo smesso di fare il parroco, Riccardo si sentirà sempre prete nel cuore. Lo vede come un gesto onesto, libero e trasparente nei confronti di se stesso ma soprattutto delle persone che lo circondano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.