Cos’è Tinder?

Nato in ambito universitario dalla mente di Sean Rad, studente dell’University of Southern California, nel settembre del 2012, Tinder rappresenta oggi l’alternativa ai vari siti di incontri. Disponibile in 24 lingue diverse, conta ben 10 milioni di utenti attivi ogni giorno.

Ma di cosa si tratta? Come funziona? È un’applicazione, disponibile per dispositivi Apple iOS, Android eWindows Phone, che ha l’obbiettivo principale di mettere in contatto persone considerate “compatibili” in rapporto al sesso, età e distanza.

Tinder funziona attraverso il collegamento al profilo facebook degli utenti.

Il primo passo consiste nello scaricare l’app sul proprio dispositivo, successivamente vi verrà chiesto di associare il vostro profilo facebook, in questo modo vedrete comparire foto e dati personali (sesso ed età) anche su Tinder.

A questo punto potrete personalizzare il vostro profilo Tinder aggiungendo un massimo di sei foto e una descrizione personale da inserire nel box da 500 caratteri.

Le foto possono essere scelte esclusivamente tra quelle già presenti su facebook, non direttamente dal vostro dispositivo. Se volete aggiungerne una nuova, dovrete necessariamente caricarla prima sul social network.

Una volta effettuati questi passaggi, potrete passare alla fase successiva: indicare le preferenze. Tinder permette di cercare solo uomini, solo donne o entrambi i sessi. Non solo, impostando il raggio d’azione potrete anche definire il territorio sul quale effettuare la ricerca.

È possibile indicare anche la fascia d’età di interesse impostando un limite (a partire da 18 anni) e un massimo (non oltre i 50).

È tutto pronto: potete iniziare a utilizzare la funzione di matchmaking primaria di Tinder. L’app vi mostrerà una lista di utenti in base alle vostre informazioni e preferenze. Cliccando sul cuore mostrerete il vostro apprezzamento all’utente, con la X rossa dichiarerete invece che non vi piace. Questo processo avviene in maniera totalmente anonima.

L’identità viene svelata nel momento in cui due persone si ritrovano ad apprezzarsi a vicenda: in questo caso l’app inserirà l’utente nella vostra lista di persone compatibili. Tale lista può essere modificata in qualsiasi momento.

A giugno è stata aggiunta la funzione Momenti: è possibile personalizzare le foto con didascalie e  filtri. I “momenti” rimangono visibili per 24 ore, arco di tempo in cui un contatore segnerà gli apprezzamenti ricevuti.

Numerose le critiche rivolte a questo nuovo social network, soprattutto in legame alla dipendenza che può scatenare negli utenti e il fine per cui viene utilizzato. Non la ricerca dell’anima gemella, spiega la sociologa Jess Carbino, ma di un altro tipo di relazione.

Articolo precedenteMode del passato: quando la bellezza diventa pericolosa
Articolo successivoCorso pre-parto, a che mese iniziarlo?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.