Trattamento fertilità

Una tecnica in grado di portare indietro le lancette del tempo, invertendo la menopausa e riattivando il ciclo mestruale: un sorta di effetto ringiovanente sulle ovaie. È il metodo messo a punto da Konstantinos Sfakianoudis, ginecologo della clinica per la fertilità Genesis Athens, in Grecia, e il suo team di ricerca.

Il trattamento prevede iniezioni di plasma ricco di proteine (Prp). Eravamo già a conoscenza delle capacità del Prp nella rigenerazione dei tessuti, ma questo studio ha dimostrato che è anche in grado di ringiovanire le ovaie, ripristinandone le funzionalità. I risultati, pubblicati sulla rivista New Scientist, hanno messo in luce che in seguito alla somministrazione di Prp sono ripartiti i cicli mestruali e sono stati prodotti ovuli pronti per essere fecondati.

“Ho avuto una paziente che è entrata in menopausa 5 anni fa, all’età di 40 anni – racconta Sfakianoudis -. Sei mesi dopo aver ricevuto iniezioni di Prp nelle sue ovaie, ha avuto il suo primo ciclo da quando è iniziata la menopausa.”

I dati avuti finora sono incoraggianti. Se questo trattamento dovesse continuare a dare i suoi frutti, rappresenterebbe una nuova speranza per le donne entrate in menopausa precoce e quelle più in là con l’età. Esso permette infatti di superare i limiti di fertilità legati allo scorrere del tempo.

E qui si apre la discussione etica. Se da una parte una simile scoperta può essere vista come una vittoria, dall’altra, invece, l’abbattimento di ogni barriera naturale in seno al concepimento porta con sé non poche polemiche. L’assenza di limiti di tempo per fare un figlio si scontra con coloro che difendono il limite massimo di età in cui si dovrebbe diventare madri, dal momento che una gravidanza non è solo una questione di “ovuli fecondabili”, ma comporta una serie di rischi che si fanno più consistenti con l’avanzare dell’età, dovendo rapportarsi a un utero non più giovane.

GRAVIDANZA-prp

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.