Rientro a scuola 2020, calendario regione per regione

Una professoressa no vax ha deciso di licenziarsi dopo ben 17 anni di lavoro.

L’ obbligo vaccinale per gli insegnanti e tutto il personale scolastico avrebbe causato non pochi problemi. C’è appunto chi reputa la decisione del governo come una vera e propria privazione della libertà. Ed è quello che ha pensato la protagonista di questa vicenda.

Il suo nome è Francesca Del Santo e ha scelto di rinunciare alla sua professione in quanto contraria al Green Pass. Così, la donna di Pordenone ha dato le sue dimissioni, dopo diciassette anni di servizio. Ovviamente, la sua storia non è passata di certo inosservata. La notizia infatti, è già diventata virale e in molti credono che abbia fatto bene a non accettare un simile obbligo.

Tra l’altro, la Del Santo è anche un’attivista, che ha partecipato proprio di recente a delle proteste pacifiche contro la Certificazione Verde.

Obbligo vaccinale anche per gli studenti

In questi giorni, si sta parlando molto anche dell’ obbligo vaccinale per gli studenti.

Ma non solo. Si parla anche della possibilità di togliere la mascherina in classe, nel caso in cui tutti dovessero essere in possesso del Green Pass.

Così facendo, il ministro Bianchi crede che possa esserci un primo forte segnale di normalità. In molti appoggiano questo suo punto di vista, così come il presidente dell’Anp Giannelli. Come riportato da il Messaggero, egli afferma:

“Dal punto di vista della socialità è auspicabile e ci vede d’accordo. Ma ci sono vari problemi tra cui anche la privacy perché noi non possiamo chiedere agli alunni chi è vaccinato e chi no. L’unica possibilità secondo me sarebbe avere un’altra ‘super app‘ che ci dica quando in una classe sono tutti vaccinati, senza dirci chi lo è e chi no” (Fonte: Il Messaggero). Che ne pensate di questa novità? Siete d’accordo?

Articolo precedenteEstate: rimedi efficaci contro il caldo
Articolo successivoCoilonichia, come conseguenza di mancanza di ferro e non solo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.