Una storia alquanto assurda arriva da Napoli: una signora di 100 anni è sopravvissuta al Covid e ha trovato un buono postale risalente a 40 anni fa, dal valore di 482 mila euro.

La donna fortunata si chiama Angela D’Ottavio, che a 100 anni compiuti, è riuscita a sconfiggere il virus. Ma le belle notizie non finiscono qui, perché è diventata anche ricca. Ma come è successo esattamente?

Secondo quanto riportato da vari giornali, l’anziana signora si sarebbe accorta di un buono postale proprio nel momento in cui stava pulendo casa. Durante la quarantena e costretta all’isolamento, decise di dedicarsi all’ordine e alla pulizia di armadi e cassetti.

In quel momento, Angela trova un buono postale risalente al 1986. Sembrerebbe che fosse stato emesso da suo padre, e poi del tutto dimenticato. Così Angela, una volta finito il periodo di isolamento e guarita dal Covid, ha voluto incassarlo senza sapere inizialmente il valore.

Poi invece si è scoperto che la cifra corrispondeva alla bellezza di 482mila euro.

Anziana diventa ricca a 100 anni

I suoi avvocati hanno spiegato che:

 “Il buono fruttifero rinvenuto da Angela le era stato fatto dal padre con la propria liquidazione e aveva un valore nominale di 50 milioni di lire perché l’importo a cui aveva diritto l’anziana, era molto di più di quello stabilito in un primo momento da Poste italiane.

Con un calcolo al ribasso ammontante a poco più di 200mila euro -In realtà ad un esame più attento della giurisprudenza di merito e delle recenti decisioni dell’Arbitrato Bancario Finanziario è emerso che l’importo dovuto era praticamente più del doppio di quello prospettato da Poste italiane”. (Fonte: Il messaggero)

Ma cosa farà l’anziana napoletana con quella somma?

Secondo quanto dichiarato da lei stessa, gran parte dei soldi andranno in beneficenza. Insomma, vorrà fare un’opera di bene, aiutando tantissime persone che si trovano in difficoltà. Che ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.