Giuseppe Russo biografia Il mio viaggio a Napoli

Giuseppe Russo è l’ideatore de “Il mio viaggio a Napoli”.

Si tratta di un blog ispirato al progetto di Piero ArmentiIl mio viaggio a New York”, con l’obiettivo di promuovere le bellezze di Napoli. Questo spazio virtuale nasce proprio durante il periodo del lockdown, che ha costretto milioni di persone a restare chiusi in casa.

Così, Giuseppe ha pensato ad un modo per far viaggiare (almeno con la mente) la gente, portandola nel cuore di Napoli, una città spesso soggetta a pregiudizi. Ma prima di capire cos’è Il mio viaggio a Napoli, scopriamo qualche informazione in più su di lui!

Giuseppe Russo biografia

Giuseppe Russo ha 26 anni ed è nato e cresciuto a Napoli.

Quando ha raggiunto la maggiore età, ha scelto di arruolarsi nel corpo dell’Esercito Italiano.

Egli è sempre stato un grande amante dei viaggi ma soprattutto della sua città, dove vive tuttora. Sin da piccolo (afferma nella presentazione del suo blog) ha ascoltato una serie di pregiudizi sul capoluogo campano, che andavano a distorcere la realtà dei fatti.

Sicuramente, Napoli ha dei difetti (come quasi ogni città) ma altrettanti pregi che restano ignoti. Ed è proprio per tale motivo, che Giuseppe ha deciso di avviare un progetto social, durante il periodo di lockdown. Così, mentre era a casa, ha pensato ad un modo per valorizzare la sua terra, così come tutta la regione Campania.

Nasce così “Il mio viaggio a Napoli”, di cui il nome trae appunto ispirazione dalla pagina di Piero Armenti, in riferimento alla Grande Mela.

Giuseppe Russo napoli

Il suo progetto nasce con l’intento di promuovere Napoli dal punto di vista economico ma soprattutto turistico.

Sebbene ogni anno la città risulti visitata da milioni di turisti provenienti da ogni parte del mondo, è anche vero che se ne sentono di tutti i colori. Infatti Russo, spiega che il capoluogo campano non è soltanto la terra di Gomorra ma molto di più.

Lo mostra attraverso una serie di scatti e video, che è possibile scovare sul suo blog Il mio viaggio a Napoli, che sulle pagine Facebook e Instagram.

A prescindere dalle bellezze naturali, storiche e monumentali, Giuseppe mostra l’anima della città. Di conseguenza, ne sottolinea il folklore, la vivacità, i colori, le tradizioni ed ovviamente il buon cibo.

Nonostante sia nato da poco tempo, il blog di Giuseppe Russo vede già migliaia di visualizzazioni al mese. E non mancano di certo le numerose condivisioni dei contenuti multimediali da parte dei followers e di chi si imbatte per la prima volta in questo progetto made in Italy.

Giuseppe Russo il mio viaggio a Napoli

Cosa si può trovare esattamente su sito Il mio viaggio a Napoli?

Visitando il blog, troverete diverse sezioni. In quella intitolata “chi sono”, c’è la biografia di Giuseppe Russo e la sua idea di voler creare questo progetto.

Ma non mancano di certo i tour, in cui avrete la possibilità di consultare dei pacchetti turistici, utili per visitare Napoli senza dover spendere un occhio della testa. Tra i più gettonati, troviamo: Centro Storico, Pompei, Rione Sanità Cuore di Napoli, Napoli di giorno e Maradona.

Ovviamente, potrete scegliere se girare la a piedi, con l’autobus o altri mezzi. Insomma, questo blog è un concentrato di attività, esperienze e tour che consentono al visitatore di conoscere la vera anima della città.

Il mio viaggio a Napoli Facebook

La pagina facebook Il mio viaggio a Napoli conta attualmente più di 700 mila seguaci.

Qui, Russo condivide quotidianamente ciò che accade tra le strade della città e documenta nel dettaglio alcuni luoghi famosi. Il suo è proprio uno spirito di rivalsa, verso una Napoli disprezzata e soggetta a discriminazioni.

In un’intervista per il Golfo Quotidiano, afferma: “Quando si parla di Napoli, sono sempre i pregiudizi ad iniziare. E il risultato è il quadro di una Napoli sporca e malfamata. Si, tutto questo deve finire, dov’è la Napoli dai mille colori di Pino Daniele, la Napoli del teatro, della canzone e delle tradizioni culinarie riconosciute in tutto il mondo?”.

Articolo precedenteCarboidrati semplici e complessi. Vediamo le differenze
Articolo successivoRai, film d’animazione solidale dedicato alle ragazze e ai ragazzi afghani. Ecco quando sarà in onda:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.