Firenze ha salutato con un tutto esaurito Francesco Nuti, l’attore e regista che nel 2006 è stato vittima di un grave incidente domestico che gli ha causato gravi problemi fisici, tra questi la perdita dell’uso della parola. Lo show è stato realizzato al Mandela Forum di Firenze grazie all’aiuto di quattro artisti, nonchè amici dell’attore: Carlo Conti, Marco Masini, Giorgio Panariello e Leonardo Pieraccioni. 

E’ stata realizzata una scaletta che attinge ai rispettivi repertori e a quello dell’attore e regista pratese, prendendo spunto anche dalle colonne sonore dei suoi film. Alla fine dello show, come era annunciato, Nuti è salito sul palco insieme alla figlia e al fratello Giovanni, che da tempo ne fa da portavoce, venendo accolto da un interminabile applauso che lo ha commosso. L’intero incasso è andato a Francesco Nuti come regalo di compleanno.

Nuti, sempre tramite il fratello Giovanni, ha lanciato un appello al mondo del cinema: «Cari produttori, credete ancora nelle mie storie, spero esca il mio ultimo film che ho scritto, dal titolo “Olga e i fratellastri Billi”», ha detto Nuti in coincidenza con la presentazione della versione restaurata di “Madonna che silenzio c’è stasera” di Maurizio Ponzi. «Cari amici – ha letto il fratello di Nuti – sono contento di esser con voi questa sera in questo cinema in cui ho presentato spesso i miei film. È un cinema che mi ha sempre portato fortuna. Son contento che il mio piccolo capolavoro di “Madonna” sia stato restaurato e presentato come nuovo al mio pubblico. Considero la riedizione come una resurrezione. Io sono ancora vivo, non parlo ma sono attento e tanto per essere chiari dopo la rinascita di questo film spero rinasca anche il mio ultimo “Olga e i fratellastri Billi”. Cari produttori, tirate fuori le palle e credete ancora nelle mie storie».

Articolo precedenteDear Jack primo album
Articolo successivoIl diamante

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.