Fedez: "Sono un privilegiato e non mi importa essere bannato dalla Rai"

Fedez vs Codacons sembrerebbe essere uno scontro senza fine.

Sono tante le querele che il rapper avrebbe ricevuto dall’azienda nel corso degli ultimi anni. Proprio qualche settimana fa, si parlava della hit Mille (in collaborazione con Orietta Berti e Achille Lauro), considerata incitazione al consumo di Coca Cola.

Questa volta invece, il problema sarebbe legato ai fondi per i lavoratori dello spettacolo. Secondo il Codacons non sarebbero idealmente molto lontani da quelli richiesti da Malika (la ragazza che ha acquistato una Mercedes). A tal proposito, Fedez si sarebbe sfogato sui social così:

“Sarà che oggi piove e io sono meteoropatico, ma ne ho piene le scatole. Ennesima raccomandata del Codacons dove riescono a paragonare la nostra raccolta fondi in cui abbiamo raggiunto più di 5 milioni di euro per i lavoratori dello spettacolo, con quella di Malika, la ragazza che si è comprata una Mercedes, e mi chiedono di procedere all’immediato sequestro. Io cerco sempre di farmi una risata però si è arrivati a un punto dove è veramente insostenibile questa cosa, io ricordo che il Codacons durante la prima emergenza, il primo lockdown, chiedeva i soldi alle persone con un banner con scritto ‘donate per l’emergenza Coronavirus’, quando i soldi andavano direttamente a loro, che con l’emergenza sanitaria nulla avevano a che fare”.

Fedez, maxi querela in arrivo

Anche stavolta, le parole di Fedez non sono di certo passate inosservate.

Così, in base a quanto dichiarato dal presidente Codacons ad Adnkronos, sarebbe in arrivo una maxi querela per il rapper (il quale si sente sottoposto a stalking giudiziario). Ecco alcune parole riportate anche su vari siti web:

“Siamo felici dell’annuncio di Fedez di una querela contro di noi. Sarà finalmente l’occasione per far cessare le violenze, le ingiurie e gli insulti che periodicamente rivolge al Codacons e che fomentano odio sul web”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.