Foto di: LoveThisPic

Nel corso degli ultimi anni si è verificato un boom di baby shower, ossia la festa che precede la nascita di un bimbo.

Questa tradizione nasce negli Stati Uniti (precisamente tra i vip di Hollywood) ad oggi sembrerebbe aver trovato posto anche in Italia, per le persone comuni. Ma che cos’è un baby shower, come si organizza e quali sono i suoi significati? Scopriamone di più!

Baby Shower cos’è

Dal punto di vista letterale, baby shower sta per doccia del bambino.

Ovviamente, il suo significato va interpretato in maniera differente. Infatti, con il termine doccia ci si riferisce ad una forte quantità di affetto che si riceve in quell’occasione da parte degli invitati. Nei confronti della mamma e del futuro nascituro, si crea una vera e propria festa, dove non mancano i regali e un piccolo buffet.

Di solito la tradizione americana richiede il baby shower soltanto per il primogenito. Ultimamente però, questa regola sembrerebbe essere infranta, forse per non creare la disparità tra figli.

Insomma, il baby shower è un vero e proprio momento di festa che può avere luogo nella propria abitazione o a casa di una persona cara.

Baby Shower quando si fa

Una delle domande più gettonate è sicuramente: quando si fa il baby shower?

Nella maggior parte dei casi si organizza verso la fine della gravidanza. Il motivo risiede nel fatto che i primi mesi c’è sempre una certa scaramanzia ed è preferibile che la futura mamma stia tranquilla da ogni punto di vista.

C’è anche chi decide di fare un baby shower dopo il quinto o il sesto mese, è abbastanza soggettivo. Una cosa è certa: non bisogna confonderlo con il gender reveal. Come suggerisce l’espressione, quest’ultimo sarebbe il party in cui si rivela il sesso del futuro nascituro, creando suspance tra i gli invitati.

Il baby shower dunque, non c’entra assolutamente nulla con la festa per scoprire se il bimbo sarà maschio o femmina.

Baby Shower come funziona

La realizzazione di un Baby Shower è davvero molto semplice.

Può trattarsi di un’iniziativa che parte dalla mamma stessa o una festa a sorpresa organizzata da amiche e parenti. Di solito, secondo la tradizione americana, si prepara una lista degli invitati per sole donne (ma si può anche non seguire questa regola).

Dopodiché si mandano gli inviti, ad esempio per posta, via email o attraverso i social. C’è infatti chi crea un semplice gruppo Whatsapp dove inserire tutte le persone desiderate, informandole del party.

Baby Shower addobbi

Una volta assodato il numero degli invitati, si procede con la vera propria organizzazione degli addobbi e del buffet.

Pertanto, si crea un angolo allestito di palloncini, festoni e chi più ne ha più ne metta. Molti seguono un tema ben preciso (ad esempio un animale, un personaggio dei cartoni ecc) oppure c’è chi opta per il total pink o total light blue.

La parte più importante è senza ombra di dubbio la tavolata. Si può realizzare una torta ad hoc, con il nome del futuro nascituro, accompagnata da cupcakes, cake pops e altre golosità. Oppure fare un buffet completo, dato dalla presenza di stuzzichini vari, come ad esempio focaccine, panini, tartine, pizzette e così via.

Baby Shower regali

A questo punto ci si chiede: cosa si regala in occasione di un baby shower?

Non esiste una regola ben precisa a riguardo. Tuttavia, si tende ad acquistare qualcosa che potrà risultare utile per il bambino, come ad esempio tutine, scarpe, body, bavette, calzini e tanto altro ancora.

Ma se si volesse spendere qualcosa in più, si può tranquillamente optare per oggetti utili, come ad esempio un seggiolone, un passeggino, una vaschetta per il bagnetto e tutto ciò che servirà dopo la nascita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.