L'autismo si sviluppa durante la gravidanza: nuova scoperta in USA
L'autismo si sviluppa durante la gravidanza: nuova scoperta in USA

L’autismo  – secondo un recente studio americano – si formerebbe all’interno dell’utero materno durante la fase di formazione del cervello.

Questa scoperta escluderebbe ogni altro fattore sempre considerato come i vaccini o altre cause scatenanti che avvengono a seguito della nascita del bambino.

Durante la formazione del feto un gene difettoso potrebbe, quindi, creare un eccesso di connessioni nervose e sintomi relativi alla patologia.

Nello specifico si parla di neuroni che vengono sviluppati solamente nella fase di formazione cerebrale e che potrebbero anche essere superiori alla media standard.

Questo studio è stato effettuato dalla Washington University e pubblicato da Nature Communications.

Il Direttore del Centro di eccellenza sull’autismo, nonchè coordinatore di questo studio scientifico  – Eric Courchesne – ha messo in evidenza che questi neuroni proliferano all’interno delle 10/20 settimane di gestazione.

In alcuni casi sono in sovrabbondanza e potrebbero andare a sviluppare la malattia.

Bisogna anche sottolineare che nei primi anni di vita di un bambino esiste una morte cellulare programmata, tale da permettere ad alcuni neuroni di auto eliminarsi. Nell’autismo questa programmazione fallisce.

I soggetti colpiti da autismo hanno una mutazione genetica tale da impedire questo normale processo colpendo una zona specifica del cervello.

Eric Courchesne, durante una recente intervista, ha detto: “Si tratta di una scoperta eccitante perché, se la ricerca futura individuerà le ragioni di questo eccessivo numero di cellule cerebrali, avrà un grande impatto sulla comprensione dell’autismo, e forse sullo sviluppo di nuovi trattamenti”.

Un mese fa i ricercatori della University of British Columbia hanno ritirato il proprio studio sull’autismo. Secondo questi ricercatori l’alluminio – un componente spesso trovato all’interno dei vaccini – potrebbe provocare l’autismo (come da sperimentazione effettuata sui topi).

La Cassazione, a luglio, ha decretato che non c’è alcun collegamento tra i vaccini e l’autismo. Così la risposta a seguito della richiesta di un padre di minorenne affetto da tale patologia: esso sosteneva che l’autismo nel figlio si fosse sviluppato a seguito della vaccinazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.