Non se se tra i vostri conoscenti c’è un poliziotto che fa servizio sulla ma se ci fosse sapreste che andare in macchina con lui equivale a non incrociare mai il il suo sguardo.
Il perché è presto detto. Hanno l’abitudine, anche mentre parlano, di guardarsi sempre intorno perché questo è il primo “comandamento”.

Osservare per poter intervenire subito in caso di bisogno.
A questo deve probabilmente la vita un uomo di 47 anni che ha avuto una violenta crisi ipoglicemica.
L’uomo era alla guida della sua macchina e arrivato al semaforo è svenuto. Emiliano e Simone, in Volante di pattuglia, passano e si accorgono che l’uomo è accasciato allo sterzo e questo li ha insospettiti.

A prima vista sembrava stesse dormendo ma loro hanno voluto verificare.
E meno male, perché era finito in coma. Infatti quando hanno visto che, pur bussando sul vetro del finestrino, non dava segni di vita non ci hanno pensato due volte. Hanno immediatamente chiamato il 118 e dall’ospedale è partita un’ambulanza a sirene spiegate e per maggiore sicurezza anche un’auto con a bordo un medico e un infermiere. La temperatura era scesa a 32° e il battito stava rallentando.

Il personale sanitario si è immediatamente reso conto che l’uomo, diabetico, aveva una grave crisi glicemica.

Un primo soccorso e poi via di corsa in ospedale dove le condizioni dell’uomo sono subito migliorate.
Infatti quando Simone e Emiliano sono passati a trovarlo in ospedale, qualche ora dopo, l’uomo li ha ringraziati rassicurandoli che stava meglio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.