Visita lampo a Roma per la Regina Elisabetta, che è giunta in questi giorni nella Capitale accompagnata dal consorte, il principe Filippo Duca di Edimburgo. Dopo aver visitato il Quirinale, dove si è trattenuta per una colazione con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, si è recata subito in Vaticano dove ad attenderla c’era Papa Francesco che l’ha ricevuta in udienza privata. Dopo questo breve tour per Roma è tornata subito a Londra dall’aeroporto di Ciampino.

Erano ben 14 anni che i Reali non sbarcavano in Italia, si tratta del loro primo viaggio oltremanica dal 2011, l’ultima volta che hanno lasciarono l’Inghilterra fu per recarsi in Francia a giugno in occasione della celebrazione del D-Day in programma per il 2014. L’ingresso al Quirinale si è svolto rispettando il classico protocollo dei Capi di Stato, con i vari onori militari e gli inni. Il pranzo con Napolitano e la moglie Clio si è svolto in un clima piuttosto amichevole ed informale, nella sala del Bronzino il clima era molto disteso.

Subito dopo la visita al Quirinale, la regina Elisabetta ed il Duca di Edimburgo si sono diretti verso il Vaticano, per incontrare Papa Francesco. Anche qui l’atmosfera era molto distesa e cordiale, quasi familiare. Sia il Pontefice che la Regina si sono mostrati sereni e sorridenti, e la Regina è sembrata a suo agio anche nell’abbigliamento fuori dai canoni, infatti al posto del solito vestito con velo nero, si è presentata con un grazioso tailleur color glicine.

Papa Bergoglio ha voluto poi donare alla Regina un piccolo omaggio per il piccolo principe George, figlio di Kate e William, un globo in lapislazzuli sormontato da una croce in argento, che rappresenta Edoardo il confessore. Sulla base si trova una scritta in inglese “Papa Francesco per sua Altezza reale il principe George di Cambridge”. I reali da parte loro hanno omaggiato il Pontefice con un cesto pieno di cibi e bevande provenienti dalle tenute reali inglesi, tra cui anche una bottoglia di whisky scozzese.  Il Papa si è mostrato molto sorpreso ma anche molto contento dei doni ricevuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.