Siamo a Riccione, dopo un incidente stradale. Mentre una vittima è stesa a terra, un passante decide di tirare fuori il suo cellulare: invece di chiamare i soccorsi, si connette al social network Facebook e comincia a filmare la diretta.

Durante la stessa, si sente il commento del ragazzo “chi mi sta seguendo, chiami aiuto. C’è sangue ovunque, speriamo si salvi”.

L’accaduto è avvenuto tra la notte di sabato e domenica, dove un giovane di 24 anni, Simone Ugolini, ha perso la vita a seguito dello schianto contro un albero, con il suo motorino.

L’autore della diretta, si chiama invece Andrea Speziali che ha 29 anni ed è uno dei candidati alle elezioni comunali. Si giustifica dicendo che era rimasto sotto shock e non sapeva proprio come comportarsi. Ha pensato che fare una diretta sul social, fosse un modo per aiutarlo. Andrea Speziali è stato oggetto di critiche ed insulti, sia durante la diretta che successivamente.

“Non cercavo uno scoop, ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti”, queste sono le parole rilasciate al Resto del Carlino. 

 Crediamo proprio che la situazione “social” stia sfuggendo di mano. A seguito di un incidente, quando una persona è agonizzante per terra, il primo pensiero è fare una diretta su Facebook, un selfie o chiamare i soccorsi?

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.