Vi ricordate delle frasi ben poco carine che Enzo Ghinazzi, in arte Pupo, aveva espresso nei confronti di Valerio Scanu e del Festival di Sanremo? Ebbene, c’è un seguito.

Ma ricostruiamo in sintesi quanto successo.

Nel 2010 Valerio vinse il Festival di Sanremo con la canzone Per tutte le volte che, scritta da Pierdavide Carone. Al secondo posto si piazzò il trio formato da Pupo, Emanuele Filiberto e il tenore Luca Canonici con il brano Italia amore mio. Piazzamento considerato ingiusto da parte di Pupo che, a pochi giorni dall’inizio di Sanremo 2012, ha rilasciato un’intervista a Panorama nella quale ha parlato di “ingiustizia pazzesca”, gettando oscuri sospetti sulle votazioni e affermando che la “Guardia di Finanza sta ancora indagando”.

Non solo, il cantante ha criticato aspramente il Festival stesso dichiarando che “Sanremo è una città con una congenita predisposizione al losco. Intorno al Festival sono nati intrighi, imbrogli, sabotaggi. Fino a 10 anni fa si compravano e si vendevano le posizioni fino a 10 minuti dalla fine. […] Di Sanremo non importa più niente a nessuno.”

Dichiarazioni che ci lasciano perplessi dal momento che, chi ha seguito Sanremo quest’anno, avrà sicuramente visto il nostro caro Pupo presente all’Ariston e coinvolto in un siparietto che di spontaneo aveva ben poco. Ma come, prima tante critiche e poi lo ritroviamo lì tra le prime file?

È anche su questo anomalia che discuterà il legale di Valerio Scanu, Paola Castiglione, alla quale il cantante sardo si è rivolto per querelare Enzo Ghinazzi. “L’affermazione circa una presunta indagine della Guardia di Finanza è infondata” ha dichiarato l’avvocato al settimane Mondadori, focalizzando l’attenzione su altri due particolari: primo, nel 2010 il cantante toscano “era dipendente-collaboratore della Rai”, secondo, “l’ospitata a Sanremo nel 2012 durante il monologo di Adriano Celentano non si spiega dopo dichiarazioni tanto gravi contro il Festival e contro la Rai”.

In effetti qualcosa non torna…

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.