Libro bagnato: come salvarlo

Il libro: inseparabile compagno nelle nostre giornate. Durante le vacanze non manca mai (almeno) un libro in valigia. Ma sono tanti i pericoli in agguato per lui.

In spiaggia, il nemico numero uno si chiama “acqua”. Un bambino che gioca con la pistola ad acqua, l’amico sgocciolante che si sdraia accanto e inavvertitamente bagna il libro, un’onda inattesa mentre state leggendo nel bagnasciuga.

Ma anche a casa i pericoli non mancano. Una bottiglia chiusa male, un bicchiere d’acqua troppo vicino, un rilassante infuso che decide di rafforzare la speciale intesa con la lettura… Insomma, sono davvero tanti gli eventi spiacevoli che possono danneggiare irreparabilmente il libro. O forse no. Si può salvare un libro bagnato? È possibile asciugarlo senza danneggiarlo? La risposta, fortunatamente è sì. Quando un libro diventa protagonista di un incontro ravvicinato con l’acqua, è necessario intervenire subito e conoscere alcuni facili trucchetti.

La carta, si sa, è un materiale igroscopico, ovvero possiede la capacità di assorbire i liquidi. Perciò, bisogna mettere in pratica alcuni stratagemmi per impedire che ciò avvenga.

Libro bagnato: ecco cosa fare

Avrete bisogno di: carta assorbente, carta da forno, un ventilatore e un libro pesante.

Dopodiché procedete in questo modo. Appoggiate il libro su un foglio di carta assorbente e inserite altri due fogli assorbenti all’interno delle copertine. Rigirate frequentemente il libro, più o meno ogni mezz’ora, e sostituite i fogli assorbenti bagnati con altri nuovi, asciutti.

Quando il libro sarà un po’ meno bagnato, posizionate un foglio assorbente ogni 20 pagine: non mettetene di più perché il libro rischierebbe di deformarsi. Appoggiatelo nuovamente sulla carta assorbente e ripetete l’operazione girandolo ogni mezz’ora e sostituendo i fogli.

Una volta che sarà quasi asciutto, mettetelo in piedi davanti a una corrente d’aria (l’ideale sarebbe un ventilatore), aprendolo a ventaglio. Ora dovrebbe essere completamente asciutto: lasciatelo per qualche giorno sotto un altro libro più pesante.

Attenzione: non provate ad asciugarlo ricorrendo a una fonte di calore, come il phon o il forno, non otterrete altro che pagine accartocciate. Il talco, invece, può essere utile per assorbire l’umidità e combattere le muffe, ma non esagerate.

libro bagnto cosa fare

Articolo precedenteTerremoto Italia centrale: prima notte senza scosse importanti
Articolo successivoPescara del Tronto, storia del paese colpito dal sisma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.