massaggi-drenanti

Gli oli essenziali non vanno mai utilizzati puri, in particolare durante un massaggio: devono essere sempre miscelati con un veicolo di base come, per esempio, un olio vegetale.

La concentrazione tuttavia varia a seconda dell’effetto che si desidera ottenere: se l’effetto è prettamente fisico, la miscela dovrà essere maggiormente concentrata.

La diluzione può variare anche a seconda del’età della persona che riceve il massaggio: per un bambino di circa 6 mesi sarà di circa 15 gocce in 100 ml di olio vegetale. Per un bambino di 2 anni, circa 30 gocce su 100 ml di olio e così via. Per gli adulti può arrivare ad un massimo di 60 gocce di olio essenziale sempre diluite in un olio vegetale.

E’ tuttavia consigliabile testare sempre la validità e la sicurezza di una miscela -anche in caso di allergie- applicandone prima dell’utilizzo una piccola quantità sulla pelle del gomito.

Utilizzate sempre oli essenziali purissimi e possibilmente certificati per uso professionale. Diffidate di oli essenziali estremamente economici: a tal riguardo basti pensare che per ottenere 1 litro di olio essenziale di rosa sono necessari ben 5.000 kg di petali; va da sè che il prezzo non potrà mai essere eccessivamente basso.

Gli oli essenziali di alta qualità sono quelli ad uso professionale e, ai sensi del Decreto Legge 107/92. devono essere considerati “aromi adatti ad uso alimentare”.

Considerate sempre che ogni persona ha una differente tolleranza alle sostanze, qualsiasi ne sia l’origine e la composizione, per cui l’organismo può reagire in maniera anomala anche venendo a contatto con un elemento normalmente ritenuto innocuo.

CARATTERISTICHE DEGLI OLI VEGETALI:

Come accennato, uno dei veicoli migliori per miscelare gli oli essenziali sono senz’altro gli oli vegetali. Se ne possono scegliere diversi tipi a seconda dell’esigenza.

Si tratta di sostanze oleose ottenute principalmente dalla spremitura a freddo di frutti o semi ricchi di grassi. I grassi vegetali, a differenza di quelli animali, favoriscono l’assorbimento delle sostanze terapeutiche. Gli oli essenziali e vegetali, una volta acquistati, vanno conservati al fresco e al buio, altrimenti irrancidiscono e perdono le loro preziose caratteristiche.

MASSAGGI CON IL BURRO:

Anche il burro è un ottimo veicolo per massaggi. Di norma si utilizza il burro fuso che dovrà essere applicato sul corpo ancora tiepido-caldo. Al burro si attribuiscono proprietà nutrienti, idratanti e ringiovanenti. Si possono aggiungere al burro fuso varie spezie tritate come la curcuma, l’anice, la noce moscata, il papavero … Secondo l’ayurveda il grasso animale è d’aiuto in caso di stress, nevrosi, dolori muscolari.

Le miscele possono essere liquide, semiliquide o pastose a seconda degli ingredienti e della quantità degli stessi che si aggiungono. Per rimuovere l’eventuale unto dal corpo, al termine del massaggio, è possibile passare (come faccio io) una tovaglietta imbevuta di acqua calda, ma non bollente, ma senza sapone per evitare di lavare via i nutrienti degli oli di massaggio.
tratto dal libro: Il massaggio per tutti

Articolo precedenteChe cos’è la dieta Dash?
Articolo successivoRobert Smith, l’uomo che non smette di crescere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.